Lungo il corteo diretto verso la stazione di Bologna parlano alcuni familiari o sopravvissuti della strage del 2 agosto 1980: la strage, per la quale sono stati condannati come esecutori materiali i militanti di estrema destra Giuseppe Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini, quest’ultimo allora minorenne, provocò la morte di 85 persone e il ferimento di oltre 200. “Ricordo corpi straziati, polvere, sangue”, racconta Cristina, la sorella di uno dei morti. “Io vengo dalla Catalogna. Allora ero in vacanza con un mio amico. Dopo tre giorni a Bologna andavamo a Rimini. Leggevo sul giornale delle Olimpiadi di Mosca. Poi lo scoppio. Il mio amico non c’era più”, ricorda Clemente Pitzalis

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Bologna, 35 anni dopo. Il corteo per non dimenticare le vittime

next
Articolo Successivo

Fiumicino, ancora problemi agli imbarchi per la lowcost Vueling. Interviene la polizia

next