Gli autisti dell’Atac, l’azienda di trasporti della capitale, sono scesi in piazza davanti al Campidoglio per protestare contro l’annunciato progetto di “privatizzazione” del trasporto pubblico locale e le politiche del sindaco Ignazio Marino: “Per nascondere la verità c’hai messo contro l’intera citta”, e ancora “False promesse e videomessaggi, son stati questi i veri disagi”. Il loro è stato un “assedio sonoro” con fischietti e cori: “Il nostro obiettivo – dicono i lavoratori – è che il servizio rimanga pubblico”

La protesta dei lavoratori si è poi concentrata su Athos De Luca (Pd), presidente della commissione ambiente del comune di Roma, che è sceso in piazza per incontrare gli autisti, che gli hanno contestato di aver trattato la questione in maniera superficiale in un post pubblicato sul suo blog, intitolato “Metro selvaggia: è così che i macchinisti vogliono salvare l’Atac? Formiamone nuovi per spezzare il ricatto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, mascherati da carabinieri rubavano in casa: arrestati dai militari dell’Arma

prev
Articolo Successivo

Roma, l’autista Atac sospeso è l’eroe del sit-in dei ferrotranvieri: “Grillo unica soluzione”

next