Microsoft è pronta alla rivoluzione con il nuovo Windows 10. Il lancio del nuovo sistema operativo dell’azienda guidata dal ceo Satya Nadella è previsto per mercoledì 29 luglio, quasi a trent’anni dalla prima versione del sistema più utilizzato al mondo. Le novità che l’azienda fondata da Bill Gates offrirà agli utenti sono diverse, partendo dall’atteso ritorno del menu Start in formato esteso, una mancanza che nell’ultima versione aveva fatto storcere il naso a molti puristi, con conseguente calo delle vendite, che lamentavano la mancanza di un menu che riassumesse tutto ciò che era installato nel proprio computer. La caratteristica principale di Windows 10 è l’assistente vocale Cortana, già presente sugli smartphone con Windows Mobile, sul nuovo browser chiamato Edge che manderà in pensione lo storico Internet Explorer.

La multinazionale con sede a Redmond, Washington, punta molto anche su Continuum, che permette di adoperare mouse, tastiera e monitor con il cellulare, e sul sistema di riconoscimento biometrico Hello. Nessun problema per coloro che già possiedono una versione originale di Windows. Basterà, infatti, effettuare l’upgrade su internet, gratuito entro il primo anno, per scaricare i file necessari e poter installare l’aggiornamento che ricalcherà la versione posseduta (Home, Pro, Enterprise ed Education). I nuovi utenti, invece, potranno scegliere e acquistare la versione che si adatta meglio alle proprie esigenze attraverso alcune tabelle che Microsoft ha messo a disposizione sul suo sito web. Saranno acquistabili anche le copie fisiche del sistema operativo, sia su dvd che su chiavetta usb.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Google Camp 2015, ad Agrigento i mercanti del web vanno al Tempio

prev
Articolo Successivo

Processo civile telematico: il Parlamento rivuole la carta. Alla faccia della digitalizzazione!

next