“Gli ingressi dei primi quindici giorni di luglio sono stati circa 1,3 milioni”. E’ con un comunicato scarno che Giuseppe Sala dà i nuovi dati sui visitatori di Expo, senza però entrare nel merito dei numeri reali registrati a maggio e giugno. E senza smentire quanto svelato da Il Fatto Quotidiano, ovvero che gli accessi nei i primi due mesi non sono stati i 6,1 milioni dichiarati ufficialmente, ma meno di 4,2 milioni. Un numero che scende ulteriormente se si sottraggono tutti coloro che non pagano il biglietto per entrare nel sito, come gli addetti ai padiglioni, i vigilanti, i volontari e chi ha un omaggio.

Ieri Sala, dopo l’articolo del Fatto, aveva detto di “non dovere giustificarsi di niente e di nessuno”. E così fa, nessuna giustificazione per i dati gonfiati forniti finora. Sui numeri invece comunicati per le prime due settimane di luglio, si possono dire tre cose. Ancora una volta il dato non brilla per trasparenza perché è fornito in modo approssimativo, senza dire quanti sono i visitatori paganti e senza essere dettagliato giorno per giorno.

Seconda osservazione: 1,3 milioni di visitatori per metà mese, anche senza togliere chi non paga il biglietto, è il dato più basso sinora comunicato da Expo, che per maggio aveva parlato di 2,7 milioni (anziché gli 1,9 milioni reali) e per giugno di 3,4 (anziché i 2,3 milioni reali). È la prima ammissione ufficiale sul flop negli ingressi, visto che le stime della società per luglio prevedevano quasi 4 milioni di visitatori.

Con 1,3 milioni, il mese viaggia infatti a un -35% rispetto alle stime iniziali. Un’ammissione che arriva dopo le goffe e imprecise conferme da parte di Ferrovie dello Stato sugli arrivi in treno comunicati da Sala. E dopo le reiterate richieste di trasparenza da parte di alcuni esponenti politici, come il presidente del consiglio comunale Basilio Rizzo che nei giorni scorsi ha scritto al prefetto per chiedere i dati reali, un’esigenza giustificata dalla necessità di correre ai ripari e ridimensionare l’impiego di mezzi pubblici verso il sito.

Terzo. La situazione sarebbe ancora più grave se il dato fosse anche questa volta gonfiato. E se fossimo di fronte a una nuova falsificazione da parte di Expo.

Twitter: @gigi_gno
[email protected]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vaticano, veleni e sospetti dietro la frenata del processo per pedofilia e pedopornografia a Wesolowski

prev
Articolo Successivo

Migranti in Italia: l’eroica opposizione dell’estremista di destra

next