La compagnia aerea statunitense United Airlines ha bloccato mercoledì 8 luglio per oltre un’ora tutti i suoi 3500 voli nel mondo a causa di un guasto informatico. Lo riferisce la Federal Aviation Administration (Faa), l’agenzia del Dipartimento dei Trasporti americana, precisando che il blocco dell’intera flotta è cominciato alle 8 di mattina ora locale della costa est, le 14 in Italia. I tecnici della compagnia con sede a Chicago sono riusciti a risolvere il grave problema che aveva colpito la connettività interna del sistema informatico.

L’azienda, subito dopo la decisione di fermare gli aerei, aveva scritto poche righe su twitter: “Stiamo lavorando per risolvere il problema con il sistema di gestione passeggeri e ci scusiamo per l’inconveniente”, questione ora risolta. La compagnia guidata dal ceo Jeffrey A. Smisek ha pubblicato sul web, a dimostrazione del guasto informatico, alcune foto dei video terminali in diversi scali aeroportuali con lettere al posto degli orari di partenze e arrivi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isis, la Tunisia: “Un muro al confine con la Libia per fermare jihadisti”

prev
Articolo Successivo

Siria, “500 milioni per addestrare solo 60 ribelli”. Il programma di Obama fa flop

next