Un ragazzo è stato aggredito e picchiato a sangue da due giovanissimi, a Polignano a Mare, in provincia di Bari, che l’hanno inseguito fin dentro un negozio di calzature, dove la vittima aveva trovato rifugio, apostrofandolo con pesanti insulti omofobi. Sono intervenuti a difesa del ragazzo i titolari del negozio e un anziano che, però, sono stati anche loro aggrediti e scaraventati a terra.

Gli aggressori, secondo le prime informazionis, con piccoli precedenti alle spalle, sono stati ripresi dalle telecamere interne ed esterne del punto vendita e denunciati a piede libero. La Polizia municipale e i carabinieri della zona hanno aperto un’indagine per accertare l’episodio avvenuto lunedì pomeriggio 30 giugno. Le violenze subite dalla vittima sono state particolarmente gravi da rendere necessario l’intervento dell’ambulanza. Non è confermato, da parte degli inquirenti, che l’aggressione sia di natura omofoba, anche se i soccorritori del giovane hanno confermato che gli insulti fossero di quella natura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terrorismo, web e proselitismo: due arresti del Ros. Il gip: “Partecipazione a jihad connaturata a loro vite”

prev
Articolo Successivo

Terrorismo, arrestati i famigliari della jihadista italiana Maria Giulia Sergio. L’esultanza per la strage di Parigi: “Dio è grande”

next