L’appuntamento è per martedi sera, ore 20.30, nell’appartamento del presidente del Senato Pietro Grasso, a Palazzo Giustiniani. Stando alle comunicazioni diramate si tratta di “un brindisi“. Per festeggiare i 90 anni del presidente emerito della Repubblica e senatore a vita Giorgio Napolitano, nato a Napoli il 29 giugno 1925.

L’invito per l’evento, primo del genere dall’inizio della legislatura, è stato inoltrato a tutti i membri del  Consiglio di Presidenza del Senato, il vertice amministrativo del Palazzo, di cui fanno parte, oltre Grasso, i quattro vice presidenti (Valeria Fedeli, Linda Lanzillotta, Maurizio Gasparri, Roberto Calderoli), i tre questori (Antonio De Poli, Laura Bottici, Lucio Malan) più la pattuglia degli 11 senatori-segretari.Un drappello nutritissimo di ospiti cui si aggiungeranno anche i capi dei diversi gruppi parlamentari.

Una trentina di persone in tutto, selezionatissime, si ritroveranno (l’unica a declinare l’invito è stata il questore Laura Bottici del Movimento 5 Stelle, che non parteciperà) dunque per un cin cin augurale all’ex presidente della Repubblica.

A proposito di ex e di costi delle segreterie particolari delle varie cariche del Senato. Quelli relativi alla struttura che assiste il Presidente emerito della Repubblica (“Dotazione massima teorica”)  e che risultano dal bilancio di Palazzo Madama sono salatissimi: 828.061,80 euro l’anno.

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiducia alla Buona scuola, sull’educazione di genere il governo rischia di cadere

next
Articolo Successivo

Diffamazione, per i giornalisti niente carcere ma tanti lacci in più

next