“Il Partito Democratico ha una responsabilità piuttosto grande nel non essersi reso conto in questi anni di quanto stava accadendo nella città ed è la ragione per cui lo abbiamo commissariato. Era un partito che pensava più allo scontro interno e a organizzare filiere”. Lo afferma il presidente del Pd Matteo Orfini, che è anche commissario dei dem capitolini, al termine di una Direzione tenuta a Montecitorio. Ma questo non deve avere conseguenze sulla giunta Marino: “Lo avevamo già deciso e già detto: l’amministrazione Marino deve andare avanti e gli sviluppi confermano la nostra lettura”.

Quando sarà pronto il rapporto Barca, la cui presentazione è confermata da Orfini il primo giorno della Festa dell’Unità, il 19 giugno, “procederemo, in base alle verifiche e alla mappatura fatta, alla chiusura dei circoli cattivi e pericolosi. Ce ne saranno diversi”.

Il presidente Pd ha spiegato anche che “ci sono notevoli procedure di verifica e controllo anti-tessere false. C’è una rimodulazione delle quote di iscrizione del tesseramento. Daremo indicazione di parametrare il costo del tesseramento ad una giornata di lavoro: quindi chi guadagna meno paga di meno, chi guadagna di più paga di più. C’è una riorganizzazione a livello municipale della gestione dei circoli per renderla più trasparente”.

Non saranno solo le quote di iscrizione a cambiare: “Abbiamo costituito 15 circoli territoriali, uno per municipio. Saranno il luogo dove si svolge il tesseramento e si celebrano i congressi. Gli attuali circoli diventano strutture organizzative di secondo livello che quindi continueranno la loro vita liberi da condizionamenti, ma non faranno tesseramento e non faranno congressi”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Luca: “Saviano? Si inventa la camorra per non rimanere disoccupato”. Lui: “Stesse parole di Berlusconi”

next
Articolo Successivo

Sicilia: viadotto crollato, lavori fermi. Deputati M5s finanziano via alternativa

next