La sonda Cassini il 31 maggio ha volato vicino a Iperione il satellite di Saturno e ha inviato sulla Terra una serie di foto. Le immagini sono state scattate a una distanza di 34mila chilometri e sono state ricevute dalla Nasa il primo giugno. Iperione sembra una luna spugnosa. Il suo aspetto sembrerebbe collegato alla presenza, nella sua composizione, di un materiale poroso a bassa densità, circa la metà di quella dell’acqua. Questo fa sì che gli impatti sulla Luna tendano a comprimerla piuttosto che a scavarla. FOTO NASA.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stop Vivisection: Bruxelles sceglie il passato

prev
Articolo Successivo

Difterite, un caso in Spagna dopo 30 anni. Quando possiamo considerare una malattia debellata?

next