Giulio Lampada, condannato in Appello a 14 anni e 5 mesi per associazione mafiosa, sconterà gli anni che gli rimangono ai domiciliari. È la decisione del Tribunale del Riesame di Milano, di cui scrive oggi il Corriere della Sera. A seguito di una perizia dello psichiatra Elvezio Pirfo Lampada è stato giudicato “incompatibile” con qualunque tipo di luogo detentivo: carcere, reparto psichiatrico del penitenziario, ospedale o comunità protetta. Per questo andrà ai domiciliari nella sua villa di residenza.

La perizia
Il medico scrive che Lampada non soffre di una malattia psichiatrica vera e propria, ma “vanno considerati come fattori di rischio elementi di potenziali sviluppi di più gravi disturbi mentali” e poi “la permanenza nei luoghi ritenuti ostili  con molta probabilità indurrebbe azioni a rischio per la sopravvivenza dello stesso”. Il presunto boss “ha un idea di sé al tempo stesso grandiosa e fragile”. Secondo il medico quindi, le cure nella comunità terapeutica “non hanno ottenuto gli effetti attesi perché il dis-funzionamento mentale si è ulteriormente consolidato diventando uno stato morboso di natura obiettiva che si risolve anche in malattia fisica”.

I trascorsi
Giulio Lampada  è stato condannato in primo grado a 16 anni di reclusione. In appello la pena è stata ridotta 14 anni e 5 mesi. L’accusa era quella di associazione mafiosa. Il clan Valle-Lampada è ritenuto dagli investigatori uno dei più importanti gruppi di ‘ndrangheta attivi in Lombardia – il capostipite Francesco “Ciccio” Valle lasciò il quartiere Archi di Reggio Calabria negli anni Settanta per sfuggire a una faida – ed è risultato coinvolto in attività di usura. I fratelli Giulio e Francesco Lampada sono considerati il ramo imprenditoriale del gruppo, attivo nel settore dei videopoker, dei locali notturni e ben agganciato alla politica calabrese e milanese.

Giulio Lampada è accusato fra l’altro di aver corrotto magistrati per ottenere informazioni sulle indagini a suo carico. Insieme a lui fu arrestato il giudice calabrese Giancarlo Giusti, che poi ammise di aver beneficiato di escort e festini hard pagati dallo stesso Lampada. Giusti si è poi impiccato a metà marzo mentre si trovava ai domiciliari. Questo il giorno dopo che la Cassazione aveva reso definitiva la sua condanna a 3 anni e 10 mesi.

La decisione del Riesame arriva dopo che il pm Paolo Storari aveva presentato ricorso in Cassazione, la quale appunto aveva rinviato tutto al Riesame, contro la decisione dell’ottobre 2014 di concedere i domiciliari in una comunità protetta. E adesso il Tribunale ha ordinato che Lampada sia trasferito dalla comunità alla sua casa privata. Lui, da parte sua sostiene di essere stato vittima di una persecuzione giudiziaria e di essere innocente: “Non riesco a dormire, tremo. Da quando è successo il caso Giusti mi vengono cattivi pensieri”.

Giarrusso: “Lampada deve tornare in carcere”
Il Senatore del Movimento 5 Stelle, Mario Michele Giarrusso, componente della Commissione Antimafia ha detto che chiederà “l’immediato invio di ispettori del ministero e l’audizione del presidente del Tribunale di Sorveglianza. Il boss Giulio Lampada deve tornare in carcere, subito. Interverrò con il Ministro della Giustizia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Mario Piccolino, indaga l’antimafia. Pista delle sale slot sull’omicidio di Formia

next
Articolo Successivo

Formia, nella città dell’avvocato ucciso nessuno vuole le case confiscate alla camorra. Aggressioni ai giornalisti

next