Nel giorno dell’inaugurazione di Expo 2015, tra i 54 padiglioni finiti, in rappresentanza di altrettanti paesi del mondo, si intravedono ancora lavori incompiuti, qualche calcinaccio e anche spazzatura.”Ci vorranno sei mesi per vincere la scommessa” come ha anche detto il premier Matteo Renzi. I lavori di rifinitura devono proseguire ancora per qualche giorno.

Foto di Alessandro Madron 
Foto di La Presse

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Expo 2015, Papa Francesco: ‘Penso a chi patisce la fame. Non sprechiamo occasione’

next
Articolo Successivo

Expo 2015, le parole di Renzi e i problemi seri

next