I portaborse dell’Assemblea regionale siciliana dovevano essere dimezzati. E invece, malgrado l’annuncio del taglio strombazzato a destra a manca dai vertici del Parlamento siciliano dopo il via libera alla spending review, nel gennaio 2014, non succederà nulla: resteranno quelli che erano. “Colpa” di uno degli emendamenti alla Finanziaria regionale approvato con voto bipartisan in piena notte da deputati di tutti i gruppi parlamentari.

La spending review passata l’anno scorso a Sala D’Ercole prevedeva che la spesa per il personale del Parlamento siciliano dovesse essere dimezzata. La scure doveva in particolare abbattersi sui portaborse (che all’Ars oggi sono oltre un centinaio e costano alle casse di Palazzo dei Normanni 4,2 milioni all’anno) e 84 dipendenti assunti nelle scorse legislature dai partiti e poi stabilizzati (al costo di 4 milioni e mezzo all’anno), con una duplicazione che non si registra in nessun altro consiglio regionale d’Italia.

I tagli approvati a gennaio 2014 sancivano dunque sostanzialmente la fine della duplicazione, eliminando i portaborse e lasciando i soli stabilizzati a partire dalla prossima legislatura, dimezzando così la spesa. Ma l’emendamento notturno passato in commissione alla Finanziaria presentata dal governatore Rosario Crocetta riporta indietro le lancette dell’orologio: le categorie resteranno due, e per entrambe viene mantenuta una spesa totale di 8,7 milioni, anche se non si sa ancora come essa verrà coperta. E non è finita. Sempre utilizzando le norme della spending review 2014, i gruppi parlamentari, nel timore del taglio, si sono nel frattempo “attrezzati” assumendo anche una cinquantina di consulenti al costo di 700 mila euro.

L’unica misura approvata a Palazzo dei Normanni che permetterà in qualche modo di abbassare la spesa, ma solo in prospettiva, è quella che prevede che la categoria degli “stabilizzati” sia a esaurimento: chi appartiene a questo “bacino” di portaborse andrà in pensione e non potrà essere sostituito.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parlamentari, il duro (doppio) lavoro. Tra assenze record e conflitti d’interesse

next
Articolo Successivo

Artisti contro il Jobs Act: “A causa di Renzi anche Vasco Rossi timbrerà il cartellino”

next