Il viaggio nella nuova sede milanese del Grande Oriente d’Italia, a pochi passi dalla sede della Regione Lombardia, inizia dal “gabinetto di meditazione“. Piccole stanze al buio dove i nuovi aderenti al Goi vengono lasciati a riflettere, prima di accedere al tempio. Sei diverse stanze in cui i massoni discutono di vari temi: “Non parliamo della stretta attualità politica, né di Renzi”, sostiene il gran maestro del Goi Stefano Bisi. In Italia gli aderenti (“fratelli” come si chiamano tra di loro) al Goi sono circa 22.500: “Nei primi mesi del 2015, abbiamo avuto 701 domande di ingresso, anche di studenti e operai”, spiega Bisi  di Francesca Martelli

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Naufragio Rodi, affonda barcone: “Tre migranti morti, novanta messi in salvo”

next
Articolo Successivo

Naufragio, un minuto di silenzio in Parlamento. Boldrini: “Rafforzare attività di soccorso in mare”

next