Voglio un comune denomadizzato. I rom non li voglio nel mio Comune, fuori dalle palle. E non mi vergogno per niente”. Sono le parole pronunciate ai microfoni de La Zanzara (Radio24) da Joe Formaggio, sindaco di Albettone, un paese di 2500 abitanti in provincia di Vicenza. Il primo cittadino di centrodestra ha emesso un’ordinanza comunale contro lo stazionamento dei nomadi nella sua cittadina. “Mi sono fatto ritrarre con un fucile a pompa” – afferma – “Se lo carichi con proiettili grossi, puoi spolpare una persona. L’ordinanza anti-rom? Io sono stato eletto col 100% dei voti e rappresento tutta la cittadinanza”. Il politico spiega l’origine del suo nome ‘sui generis’: “I miei volevano chiamarmi ‘Joey’, come il protagonista del telefilm ‘Furia’, ma mio padre sbagliò a dare il mio nome all’anagrafe. Dopo 30 anni, ho chiamato mio figlio ‘Joey'”. Uno dei conduttori, David Parenzo, polemizza con Formaggio e annuncia provocatoriamente un’invasione di rom nel Comune di Albettone. “Vi aspettiamo coi fucili spianati al confine del paese” – ribatte il sindaco – “Se arriva un gruppo di rom, dopo 10 minuti chiamo Polizia, Carabinieri e Polizia Municipale. Se i nomadi non vanno via, vengono caricati sui carri attrezzi e portati nel ricovero di automezzi più vicino. Ad Albettone non si può sostare per motivi igienico sanitari. Non abbiamo colonnine per ricevere carovane” – continua – “e non le metteremo mai. Quindi, nomadi e batteria varia stanno automaticamente fuori. Fuori dalle palle, non li vogliamo. Vadano nei campi rom di Vicenza, che è governato dal Pd. Sono ben accetti invece camper di turisti, americani e tedeschi. I campi rom sono covi di delinquenza. Dobbiamo schedare tutta questa gente qua”. Formaggio cita poi il benzinaio Stacchio e rincara: “Affittare la mia casa ai rom? Ma siete impazziti? Piuttosto che darla ai rom do fuoco alla casa. Tanto non pagherebbero mai l’affitto. Le leggi italiane sono fatte per metterla nel culo alla gente per bene, e tutelare i disgraziati e i delinquenti” di Gisella Ruccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zero controlli al tribunale civile di Roma. Magistrato: ‘Servono metal detector’

next
Articolo Successivo

Claudio Giardiello, sparatoria Tribunale Milano: “Tre morti e due feriti”. Uccisi un giudice e un avvocato

next