La decisione della Cassazione sull’omicidio di Meredith Kercher è vissuta da una parte all’altra del mondo con sentimenti totalmente opposti. C’è lo choc, l’avvilimento e il dolore della famiglia della studentessa inglese che a Londra preferisce il silenzio. Sono “sorpresa e molto scioccata” di Arline Kercher, la madre di Meredith: “Sono un p0′ sorpresa, e molto scioccata, ma è tutto qui per il momento” le uniche parole di commento della sentenza.

A Seattle c’è stata festa. “Sono enormemente sollevata e grata per la decisione della Cassazione italiana”, scrive in una nota sottolineando che “la consapevolezza della mia innocenza mi ha dato la forza nei tempi più bui di questo calvario”, in cui “ho avuto l’inestimabile sostegno della mia famiglia, degli amici e di sconosciuti”. Poi, al telefono con uno dei suoi legali, l’avvocato Luciano Ghirga, singhiozza dalla gioia: “Ho ripreso la mia vita… Luciano grazie, ti voglio bene. Ora sta solo festeggiando – ha spiegato l’avvocato – e non pensa a cosa farà nei prossimi giorni. Così come non pensa ad alcuna richiesta di risarcimento” per ingiusta detenzione, chiarisce, rinviando l’ipotesi avanzata dall’altro legale. 

“Grazie dal profondo del mio cuore. La vostra gentilezza mi ha sostenuto. Vorrei solo potervi ringraziare ognuno di persona” dice ancora Amanda – che ha concluso i suoi studi alla University of Washington e ora si cimenta nel giornalismo, occupandosi di teatro e di cultura per il West Seattle Herald.

Anche in Puglia il verdetto degli ermellini ha suscitato gioia: “Finalmente mi hanno creduto, è questa la mia più grande soddisfazione. Sono felicissimo” dice Raffaele Sollecito parlando con la famiglia.  “l merito di quello che è successo oggi è anche di mio padre che non mi ha mai abbandonato, devo a lui tantissimo. È finito l’incubo, finalmente è finito tutto, ora posso cominciare a vivere”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Meredith, Raffaele e Amanda assolti. Cassazione: “Non hanno commesso il fatto”

next
Articolo Successivo

Mills, la signora e la giustizia bizantina

next