Il presidente afghano Ashraf Ghani interviene sulla vicenda della brutale uccisione a Kabul di una donna di 27 anni, che sembrerebbe essere affetta da problemi psichici, accusata dalla folla di aver bruciato in una mosche delle copie del Corano, giovedì 19 marzo. Il ministero dell’Interno svolgerà un’inchiesta approfondita sull’avvenimento che merita una “categorica condanna” e che sarà seguita anche da un comitato di studiosi del Corano (Ulema) che formulerà il suo giudizio.

Sidiq Sidiqm, portavoce del ministero dell’Interno, ha annunciato che sei persone sono state arrestate come presunte responsabili del linciaggio della donna e dell’incendio del suo cadavere. Uno dei fermati, Sharaf Baghlany, si è vantato su Facebook dell’aggressione.

Ghani, in un comunicato presidenziale, lancia il suo monito: “Nessuno può trasformarsi in giudice e punire i cittadini con un comportamento ripugnante e arbitrario contrario alle Legge islamica e alla giustizia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isis, in Yemen attacco kamikaze contro tre moschee sciite: 137 morti

prev
Articolo Successivo

Dal Brasile per la Tunisia, contro l’educazione al male

next