Cosa c’entra il vincotto dolce, ingrediente di tanti piatti tipici della Puglia, con la pizza? Apparentemente nulla, ma le vie del “Cuettu” – così lo chiamano in dialetto – sono infinite.

Così l’Associazione pizzaioli professionisti, in collaborazione con la rete informale Più Gusto – Vincotto Experience ha presentato a Modugno, in provincia di Bari, la pizza omonima, che prevede l’inserimento nell’impasto di una dose di vincotto dolce di uva e, come condimento, l’utilizzo di una lunga serie di ingredienti dell’eccellenza territoriale pugliese, dalle conserve al capocollo, dai pomodorini a latticini e prodotti caseari. Nel dettaglio il “Cuettu”, l’ingrediente che caratterizza l’impasto della pizza Più Gusto, è mosto cotto d’uva. Ha la consistenza di uno sciroppo e il gusto è dolce e aromatico. Il vincotto è particolarmente ricco di polifenoli, antiossidanti naturali che derivano dall’uva rossa.

“Come tutti i vincotti salentini – spiega Luigi De Bellis, direttore del DiSTeBA dell’Università del Salento – che sono condimenti/alimenti agrodolci ottenuti dalla lenta cottura del mosto d’uva cotto e del vino fino a ottenere uno sciroppo analcolico, è caratterizzato da una significativa concentrazione di polifenoli dagli effetti benefici. Indagini epidemiologiche hanno infatti portato alla conclusione che l’assunzione di alimenti ricchi in polifenoli porta ad una riduzione dell’incidenza di malattie quali le malattie cardiovascolari, il diabete mellito ed alcuni tipi di cancro”.

Una pizza, dunque, che oltre al gusto e all’indubbia innovazione, sembra poter offrire a chi la assaggerà anche benefici in termini di salute. Ma anche in questo caso, come in quelli analoghi, vale soprattutto una domanda fondamentale: alla gente piacerà? Perché se portare al cambiamento quando si parla di piatti così tradizionali non è facile, sembra ancora meno semplice cambiare i gusti (consolidati) dei consumatori.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le figurine Panini – Seconda parte: tanti giochi, e tutti divertenti

prev
Articolo Successivo

Catania, la cucina dei monaci benedettini spiegata in un corso

next