Polemica al fulmicotone tra il deputato Pd, Emanuele Fiano, e il vicepresidente di Casapound, Simone Di Stefano, durante il talk show di approfondimento La Gabbia, su La7. “Io non sono abituato a parlare coi fascisti“, dichiara Fiano, a cui il cofondatore di Casapound ribatte: “Allora, vattene a casa“. “Dovresti mandarmici con la forza fisica” – replica il parlamentare Pd, che ricorda i propri parenti consegnati dai fascisti ai nazisti. “Basta con questa storia. Quanti anni fa è successo?”, controbatte Di Stefano. “Stai zitto quando parli di mio padre, vergognati” – insorge Fiano, che puntualizza la sua indisponibilità al dialogo con chi, come Gianluca Iannone, ha definito i militanti di Casapound ‘i fascisti del nuovo millennio’. Di Stefano osserva: “Non mi piacciono le persone che non si aprono al dialogo e non vogliono conoscere le storie e le persone. L’atteggiamento di Fiano è uguale a quello dei suoi amici antifascisti dei centri sociali, quando assaltano le nostre sedi, i banchetti nostri e della Lega e dicono che uccidere un fascista non è reato”. Il concitato botta e risposta prosegue a ritmo serrato. Poi l’esponente di Casapound sbotta: “Io sono disposto a parlare con chiunque. Mi avete invitato a questa trasmissione, perché pensavo che avremmo parlato di politica. E invece c’è il solito trappolone, in cui si parla di 70 anni fa e del fascismo. Basta. Siete veramente stucchevoli”. Le parole scatenano una nuova bagarre che coinvolge lo stesso Fiano e Dijana Pavlovic, vicepresidente della Federazione “Rom e Sinti insieme”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crozza-Salvini: “Amici di ‘Felpetta nera’ i clandestini rimandiamoli a Casapound”

next
Articolo Successivo

Terzo Segreto di Satira, la clip a Piazzapulita: ‘Le fasi del politico’

next