Polemica al fulmicotone tra il deputato Pd, Emanuele Fiano, e il vicepresidente di Casapound, Simone Di Stefano, durante il talk show di approfondimento La Gabbia, su La7. “Io non sono abituato a parlare coi fascisti“, dichiara Fiano, a cui il cofondatore di Casapound ribatte: “Allora, vattene a casa“. “Dovresti mandarmici con la forza fisica” – replica il parlamentare Pd, che ricorda i propri parenti consegnati dai fascisti ai nazisti. “Basta con questa storia. Quanti anni fa è successo?”, controbatte Di Stefano. “Stai zitto quando parli di mio padre, vergognati” – insorge Fiano, che puntualizza la sua indisponibilità al dialogo con chi, come Gianluca Iannone, ha definito i militanti di Casapound ‘i fascisti del nuovo millennio’. Di Stefano osserva: “Non mi piacciono le persone che non si aprono al dialogo e non vogliono conoscere le storie e le persone. L’atteggiamento di Fiano è uguale a quello dei suoi amici antifascisti dei centri sociali, quando assaltano le nostre sedi, i banchetti nostri e della Lega e dicono che uccidere un fascista non è reato”. Il concitato botta e risposta prosegue a ritmo serrato. Poi l’esponente di Casapound sbotta: “Io sono disposto a parlare con chiunque. Mi avete invitato a questa trasmissione, perché pensavo che avremmo parlato di politica. E invece c’è il solito trappolone, in cui si parla di 70 anni fa e del fascismo. Basta. Siete veramente stucchevoli”. Le parole scatenano una nuova bagarre che coinvolge lo stesso Fiano e Dijana Pavlovic, vicepresidente della Federazione “Rom e Sinti insieme”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crozza-Salvini: “Amici di ‘Felpetta nera’ i clandestini rimandiamoli a Casapound”

prev
Articolo Successivo

Terzo Segreto di Satira, la clip a Piazzapulita: ‘Le fasi del politico’

next