Dopo Bologna, anche Milano. Il prefetto lombardo Francesco Paolo Tronca ha nominato un commissario ad acta che ha cancellato la trascrizione dei matrimoni omosessuali contratti all’estero che era stata fatta dal sindaco Giuliano Pisapia. Ai diretti interessati la notizia è stata comunicata per lettera in questi giorni. A fine ottobre il prefetto aveva chiesto al sindaco di del capoluogo lombardo, come a quelli di altre città, di annullare le trascrizione. Cosa che il primo cittadino si è sempre rifiutato di fare in quanto le riteneva legittime. “Ci opporremo”, ha commentato, “in tutte le sedi contro una decisione strumentale e discriminatoria”.

Era lo scorso 4 novembre quando il prefetto di Milano aveva adottato il ‘provvedimento di annullamento’ di trascrizione delle 13 nozze tra persone dello stesso sesso, celebrate all’estero, e trascritte dal sindaco. Tronca, nel provvedimento, aveva ordinato al sindaco, in qualità di ufficiale di stato civile, di provvedere “senza ritardo” a tutti gli adempimenti. Il commissario ad acta nominato dal prefetto si è recato nei giorni scorsi in Comune a cancellarle. “Un atto dovuto”, lo definiscono fonti della prefettura.

“Questa circolare”, ha detto Pisapia, “è profondamente sbagliata sia dal punto di vista giuridico, che da quello del riconoscimento dei diritti civili. Per questa ragione il Comune si opporrà in ogni sede dopo che ci siamo schierati al fianco delle coppie che – in piena sintonia con la rete Lenford – già hanno presentato ricorso.  Come scrive Neruda in una bellissima poesia ‘la speranza ha due bellissimi figli: lo sdegno e il coraggio’. Per questo rinnovo il mio appello al Parlamento affinché, al più presto, intervenga”. Chi festeggia l’annullamento è invece la giunta leghista delle Lombardia. “L’atto”, ha detto l’assessore Cristina Cappellini, “certifica ancora una volta che per la legge vigente esiste solo un matrimonio e una sola idea di famiglia: quella tra una donna e un uomo e possibilmente dei figli. Certa sinistra usa le coppie gay come oggetto di propaganda”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lampedusa, quanto costa l’umanità?

next
Articolo Successivo

Massa Carrara, pari opportunità in carcere: “I detenuti scelgono il medico”

next