Otto indagati: quattro militanti del centro sociale Dordoni e quattro esponenti di CasaPound. Rissa aggravata e lesioni gravissime: questi i capi d’accusa contestati a vario titolo. E’ arrivata oggi, alla vigilia della manifestazione nazionale antagonista, la svolta nelle indagini della procura di Cremona sugli scontri tra autonomi e neofascisti scoppiati domenica scorsa nel capoluogo lombardo, durante i quali è rimasto gravemente ferito Emilio Visigalli, un uomo di 50 anni di Maleo (Lodi), militante del centro sociale Dordoni, che si trova ancora in coma. “L’insieme dei dati clinici – si legge nel bollettino medico diffuso oggi – evidenzia una condizione di permanente stabilità del paziente con una progressiva risposta alle cure. Stato di coma persistente. Prognosi riservata”.

Gli incidenti, sono scoppiati intorno alle 18 e 30 al termine della partita Cremonese-Mantova, in via Mantova al centro sociale Dordoni. Ma, come confermato dai testimoni e dalla Questura, il match calcistico non ha nulla a che vedere con quello che gli antagonisti hanno bollato come un “agguato”. Dalle prime informazioni ufficiali che sono state diramate nella tarda serata di domenica è emerso che Visigalli è stato colpito “ripetutamente con spranghe e calci, prevalentemente al volto e al capo. All’arrivo dell’automedica il paziente era incosciente e il medico ha proceduto all’intubazione”.

La tensione in città intanto rimane alta. Domani, 24 gennaio, si terrà la manifestazione nazionale degli antagonisti che percorrerà il centro cittadino e che porterà a Cremona circa mille persone dell’area antagonista e dei centri sociali di tutta Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Processo Stamina, Davide Vannoni verso il patteggiamento dopo accordo con pm

prev
Articolo Successivo

No Tav, io sto con Erri De Luca: è solo un processo alla parola contraria

next