Stefano Rodotà ha vinto il primo turno delle Quirinarie lanciate dal Fatto Quotidiano. Per lui 17367 preferenze, quasi 10mila in più rispetto al secondo in classifica Ferdinando Imposimato (7883), seguito da Gustavo Zagrebelsky (3988) al terzo posto.

E ora si prosegue con il secondo turno: abbiamo selezionato i primi dieci nomi scelti dai lettori del Fatto a cui abbiamo affiancato altri dieci nomi che secondo i giornali circolano con insistenza tra i partiti.

Per ogni lettore che deciderà di votare su ilfattoquotidiano.it vale sempre la stessa regola: una sola preferenza per utente.

Al termine del primo turno sono stati espressi 61.147 voti. Al quarto posto Romano Prodi (3812), seguito da Emma Bonino (3132), Milena Gabanelli (2477), Antonino Di Matteo (2119), Gian Carlo Magalli (1867), Nicola Gratteri (1745), Gian Carlo Caselli (1580), Gino Strada (1462), Fulvio Abbate (1131), Umberto Eco (625), Lorenza Carlassarre (526), Rosy Bindi (371), Pier Luigi Bersani (289), Mario Draghi (272), Marco Travaglio (227), Salvatore Settis (225) e Carlo Petrini (215).


Guarda i risultati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quirinale, c’è l’intesa Berlusconi-Alfano: “Insieme per un candidato moderato”

next
Articolo Successivo

Quirinale, il borsino. Tiene Amato, spunta l’ex presidente della Consulta De Siervo

next