Realizzati per la prima volta muscoli umani coltivati in provetta. Un team di ricercatori americani della Duke University è riuscito a far crescere in laboratorio fibre muscolari scheletriche in grado di contrarsi correttamente come quelle naturali (il video di YouTube che mostra la contrazione delle fibre artificiali), e reagire agli stimoli esterni come impulsi elettrici o farmaci. Lo studio, finanziato dai National institutes of health americani (Nih) e coordinato dai bioingegneri Nenad Bursac e Lauran Madden, è stato appena pubblicato sulla rivista eLife.

“La novità di questo studio è che può essere un utile banco di prova per test clinici effettuati in provetta. Stiamo lavorando – spiega Bursac – per verificare sicurezza ed efficacia di alcuni farmaci, come le statine utilizzate per abbassare i livelli di colesterolo, senza mettere a repentaglio la salute dei pazienti. Inoltre, vogliamo riprodurre in laboratorio i segnali funzionali e biochimici di malattie muscolari, specialmente quelle rare come la distrofia muscolare di Duchenne, per le quali – precisa lo studioso – è difficile effettuare biopsie”.

I ricercatori Usa sono partiti da precursori di cellule muscolari, facendole dividere migliaia di volte in provetta, grazie a un supporto tridimensionale costituito da un particolare gel contenente sostanze nutritive, che ha permesso la formazione di fibre muscolari allineate e perfettamente funzionanti. “Abbiamo iniziato lavorando con cellule animali – sottolinea Madden -, e perfezionato poi i nostri protocolli fino a ottenere muscoli bioartificiali umani”.

Ma l’obiettivo degli studiosi americani è più ambizioso. Riuscire a ottenere muscoli a partire da cellule staminali pluripotenti indotte, cioè ringiovanite in laboratorio per essere poi indirizzate a formare fibre muscolari. “Con le staminali indotte – spiega Bursac – potremo prelevare campioni di pelle e sangue dai pazienti, senza doverli infastidire ancora, come avviene adesso con le ripetute biopsie. Uno degli scopi principali delle nostre ricerche – aggiunge l’esperto – è fornire in futuro cure personalizzate. Fare crescere nuovi muscoli artificiali a partire da cellule degli stessi pazienti – conclude lo scienziato – potrà, infatti, permettere di testare quali molecole funzionano meglio come farmaci in uno specifico individuo”.

Lo studio della Duke University

Il video su YouTube

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival della Scienza 2015, si parla di ignoto: dai mondi paralleli ai buchi neri

next
Articolo Successivo

Ricerca scientifica: tanto spendi, tanto ottieni

next