Sorridere di più, mangiare qualcosa di gustoso e fare sport. Questi i rimedi contro il Blue Monday il giorno più triste dell’anno, che cade proprio in questa giornata. A calcolare con esattezza la data, nei primi anni 2000, uno psicologo dell’Università di Cardiff, Cliff Arnall, che tramite un’equazione (che prende in considerazione meteo, debiti accumulati per i regali di Natale, calo di motivazione e la crescente necessità di darsi da fare) è riuscito a stabilire che il terzo lunedì di gennaio è proprio il giorno in cui ci sentiamo più tristi.

In Gran Bretagna il tema viene preso molto sul serio, tanto che è stato calcolato che proprio in questa giornata aumenta il numero di astensioni dal lavoro. E allora ecco che, come accade da qualche anno a questa parte, vengono riproposti dai media inglesi consigli di alcuni enti no-profit, tra cui Mental Health Uk che si occupa di salute mentale, su come superare il lunedì più deprimente dell’anno. Tra gli imperativi principali per ritrovare il buonumore vestirsi di colori brillanti, ascoltare buona musica, fare esercizio fisico, essere socievoli.

Se non bastasse, visto che la “consolazione” passa spesso dal cibo, la British Dietetic Association suggerisce addirittura di concedersi una grande abbuffata per superare la depressione, evitando però caffeina e snack energetici e optando solo per cibi nutrienti. E per chi proprio non ce la fa a ritrovare il buonumore, allora meglio focalizzarsi già da ora sul giorno più felice dell’anno: per l’”Happiest Day” bisognerà aspettare il solstizio d’estate, tra il 21 e il 24 giugno, ma potrebbe davvero valerne la pena.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Charlie Hebdo: l’irritante irreverenza dell’ateo

next
Articolo Successivo

Charlie Hebdo: solo la religione merita il rispetto che si deve a una ‘madre’?

next