“Chiedendo di dialogare con l’Islam, il Papa non fa un buon servizio ai cattolici”. All’indomani della strage di Charlie Hebdo, Matteo Salvini si scaglia contro Papa Francesco, colpevole, per il segretario della Lega Nord, di essere troppo aperto nei confronti dei musulmani.

“Va bene la pace – ha dichiarato Salvini ai microfoni di Radio Padania – ma sei il portavoce dei cattolici, preoccupati di chi ti sta sterminando in giro per il mondo”. Per Salvini l’eccidio messo in atto dal commando di integralisti islamici a Parigi, che si è concluso con 12 morti e 8 feriti, è un’azione di guerra. Di più. In Europa “è in atto un tentativo di occupazione militare e culturale da parte di una comunità prepotente e ben organizzata, che ha la facilità di affondare il coltello in un burro che è l’occidente”, ha aggiunto il leader del Carroccio. “Questa è una vera e propria guerra – ha concluso – quindi rispondere con tolleranza e buonismo è un suicidio”.

Ma proprio da Papa Francesco, durante la messa a Santa Marta di questa mattina, è arrivata la dura condanna dell’attacco terroristico: “L’attentato di ieri a Parigi ci fa pensare a tanta crudeltà, crudeltà umana; a tanto terrorismo, sia al terrorismo isolato, sia al terrorismo di Stato. Ma la crudeltà della quale è capace l’uomo!”. Il pontefice ha anche inviato un telegramma all’Arcivescovo di Parigi, il cardinale André Vingt-Trois, esprimendo la propria vicinanza alle famiglie delle vittime. Bergoglio su Twitter ha anche lanciato l’hashtag #PrayersForParis” (“Preghiere per Parigi”).

Sempre sul social network è stata postata una fotografia che raffigura la mano di un neonato con un braccialetto con la scritta “Je suis Charlie”. La risposta ai 12 morti di Charlie Habdo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Regione Calabria, eletto presidente del Consiglio Scalzo rinviato a giudizio

prev
Articolo Successivo

M5s, capogruppo espelle Vacciano e Simeoni. Ma il gruppo votò contro

next