Spettacolare ritrovamento in Egitto, dove vicino al Cairo è venuta alla luce la tomba di una regina della quinta dinastia faraonica, di cui non si conosceva l’esistenza. Lo ha fatto sapere il ministero egiziano dell’Antichità, spiegando che il nome della regina è Khentkaus III che, da quanto emerge dai rilievi sulle pareti della tomba, è identificata come “moglie del re” e “madre del re”.

Il ministro delle Antichità, Mamduh al Damati, ha spiegato che sono state trovate anche 24 statuette funerarie e utensili di pietra calcarea e di rame.  La tomba è stata scoperta da una missione archeologica ceca, in collaborazione con il ministero egiziano, nella zona di Abu Sir, a sudest del Cairo.

Il direttore della missione, Miroslav Barta, spiega che la scoperta ha rivelato una parte sconosciuta della storia della quinta dinastia e dà un’indicazione dell’importanza delle donne alla corte. La tomba si trova in un piccolo cimitero a sudest della collezione funebre del re Neferefra, scoperta negli anni ’90. Questo elemento ha portato gli esperti ha suggerire che Khentkaus III possa essere stata la moglie di Neferefra, di cui si hanno poche informazioni, e la madre del faraone Menkauhor. Lo scorso 24 marzo gli archeologi scoprirono sempre ad Abu Sir il sarcofago e la mummia di un importante sacerdote della quinta dinastia, noto come Nefer

La foto è del Czech Institute of Egyptology

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Gli Ufo eravamo noi”: nel 2014 è il tweet più letto sul profilo della Cia

prev
Articolo Successivo

Cometa Lovejoy, il 7 gennaio sarà alla minima distanza dalla Terra

next