Venivano esibiti come panda, ma si trattava di cani di razza chow chow colorati di bianco e nero. Per questo il proprietario del circo Orfei, in questi giorni a Brescia, è stato denunciato dal corpo di Polizia Forestale per maltrattamento di animali e truffa ai danni degli spettatori. I due cuccioli, un maschio e una femmina dal pelo bianco, venivano infatti mostrati al pubblico, in particolare ai bambini, per fare foto a pagamento.

Dalle indagini “è emerso che i documenti mostrati dai circensi relativi ai due esemplari erano due passaporti falsi. I cani, che risultano essere stati importati dall’Ungheria, avevano un’età sicuramente inferiore a quella dichiarata di circa sei mesi”. I controlli veterinari hanno accertato che i cuccioli sono in buone condizioni di salute, anche se mostrano “un’accentuata lacrimazione oculare”, probabilmente dovuta dai continui lampi dei flash. I cuccioli sono stati sequestrati e, per il momento, affidati a una struttura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco indica le 15 malattie curiali: “Perdonateci per gli scandali”

next
Articolo Successivo

Joe Cocker morto: il cantante scomparso a 70 anni per un cancro ai polmoni

next