Venivano esibiti come panda, ma si trattava di cani di razza chow chow colorati di bianco e nero. Per questo il proprietario del circo Orfei, in questi giorni a Brescia, è stato denunciato dal corpo di Polizia Forestale per maltrattamento di animali e truffa ai danni degli spettatori. I due cuccioli, un maschio e una femmina dal pelo bianco, venivano infatti mostrati al pubblico, in particolare ai bambini, per fare foto a pagamento.

Dalle indagini “è emerso che i documenti mostrati dai circensi relativi ai due esemplari erano due passaporti falsi. I cani, che risultano essere stati importati dall’Ungheria, avevano un’età sicuramente inferiore a quella dichiarata di circa sei mesi”. I controlli veterinari hanno accertato che i cuccioli sono in buone condizioni di salute, anche se mostrano “un’accentuata lacrimazione oculare”, probabilmente dovuta dai continui lampi dei flash. I cuccioli sono stati sequestrati e, per il momento, affidati a una struttura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Papa Francesco indica le 15 malattie curiali: “Perdonateci per gli scandali”

prev
Articolo Successivo

Joe Cocker morto: il cantante scomparso a 70 anni per un cancro ai polmoni

next