Decine di scosse di terremoto sono state registrate nella notte in provincia di Firenze, nella stessa zona già attraversata venerdì 19 dicembre da uno sciame sismico che ha fatto alzare i livelli di allerta. Secondo i dati forniti dall’Istituto di geofisica e vulcanologia, le scosse – circa una trentina – hanno avuto magnitudo massima di 3.5. Le scuole a Firenze e provincia resteranno chiuse anche per la giornata di sabato 20 dicembre. Per tanti, nel Chianti fiorentino, è stata una notte trascorsa in auto, in tenda o nelle aree e strutture mese a disposizione dalle amministrazioni comunali.

Una scossa di magnitudo 3.5 è stata registrata alle 5:07. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 9,3 km di profondità ed epicentro in prossimità di Barberino Val d’Elsa, Greve, Impruneta, San Casciano e Tavarnelle Val di Pesa. Altre scosse sono state registrate alle 5:09 (magnitudo 3), alle 5:35 (3) e alle 5:56 (3.1).

A Greve in Chianti in circa 200 hanno dormito in tensostrutture allestite dal Comune vicino alla piscina e al campo sportivo comunali e nella frazione di Strada in Chianti: tra loro molti di quelli che avevano già lasciato le proprie case la notte precedente alle prime forti scosse e che già dal pomeriggio avevano chiesto punti di ricovero. A Sambuca Val di Pesa è nato una specie di accampamento spontaneo con tende montate accanto al campo sportivo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crac ordine Francescani, l’albergo di lusso dei frati che ha portato alla bancarotta

next
Articolo Successivo

Omicidio Fanella, tra coop nere e bar nostalgici ecco la rete neofascista al Nord

next