Presentato in Francia il primo “spinello elettronico“, che sarà legalmente venduto nel Paese. La nuova ‘sigaretta’ è stata progettata dalla Kanavape, una società franco-ceca fondata dagli imprenditori francesi Sébastien Béguerie e Antonin Cohen, che per anni si sono occupati di promuovere l’uso medico della cannabis. Dall’invenzione della società transalpina sono stati esclusi i principi attivi con effetti psicotici.

“Un antistress senza alcun effetto allucinante o psicotico” e “100% legale” assicurano gli ideatori dello spinello elettronico che è stato realizzato con il solo Cannabidiolo, principio attivo dall’effetto antidolorifico e regolatore del sonno e che in Francia non è proibito. Escluso dal liquido usato per far funzionare lo spinello elettronico, che costa intorno ai 24 euro a bottiglia, il Thc, principio attivo che influisce sul cervello creando paranoia, disturbi del comportamento e stordimento. Il prodotto viene realizzato con estratti di canapa industriale coltivata in Francia. La sigaretta “non contiene aromi artificiali per un assaggio di canapa naturale”, specificano dall’azienda produttrice.

La novità ha però causato le proteste da parte di medici e specialisti che stanno pensando anche a ricorsi legali. L’azienda e ha voluto puntualizzare che le procedure adottate durante la produzione sono sicure e rispettano la legge francese, ma i sanitari attaccano affermando che l’uso della cannabis potrebbe essere dannoso nell’adolescente e nel giovane adulto e un prodotto di questo tipo è particolarmente attraente proprio per le persone di questa fascia di età.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corruzione: Fateskifen! (almeno, secondo la percezione di mio cuggino)

prev
Articolo Successivo

Banditi o eroi?

next