Beppe Grillo scrive a Papa Francesco. Con un post sul blog, il leader del Movimento 5 stelle commenta la decisione di non accettare un colloquio con il Dalai Lama: “Nei giorni scorsi è stato a Roma per il XIV summit dei Nobel per la Pace, previsto in Sudafrica prima che negassero il visto al Dalai Lama per non irritare la Cina. I tibetani hanno fatto un tentativo per incontrare il Papa che si è negato. Un atteggiamento ‘politico’ e non evangelico“.

E poi continua facendo un confronto con i personaggi che invece hanno avuto udienza dal pontefice. “Questo Papa ha ricevuto tutti, ma proprio tutti, a partire da Balotelli con cui ha avuto anche un breve colloquio privato. Evidentemente il Dalai Lama non aveva segnato due gol alla Germania. Oltre Tevere spiegano che non si vuole entrare nelle ‘tensioni’ fra il leader tibetano e Pechino. Questo pontefice – prosegue Grillo – è stato il primo che ha potuto attraversare lo spazio aereo cinese. Francesco ha detto ‘Se andrei in Cina? Ma sicuro, domani!’. Un dialogo epocale tra realtà millenarie da non mettere in discussione. Il Dalai Lama può attendere insieme al Tibet”.

Segue un elenco di “alcuni personaggi incontrati da Bergoglio: Abu Mazen; Balotelli; Ban Ki-moon; Buffon; Erdogan; Fassino; Hollande; Kirchner; Klose Miroslav; Enrico Letta; Mahmoud Abbas; Maradona; Marino; Merkel; Mujica; Napolitano; Obama; Papa Tawadros; Patriarca Bartolomeo; Paul Bhatti; Peres; Prandelli; Putin; Renzi; Schulz; Javier Zanetti”. “Un personaggio non incontrato dal Papa: Dalai Lama, nobel per la pace”, conclude Grillo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Livorno, Pd contro giunta M5s: “Manager e costi della politica? Spese aumentate”

next
Articolo Successivo

M5S, Tommaso Currò lascia: cari grillini, perché non iniziate a fare politica propositiva?

next