“Sono sconvolto”. Il giorno dopo l’operazione antimafia a Roma, il presidente del Consiglio Matteo Renzi, ospite di Bersaglio Mobile di Enrico Mentana, commenta il terremoto politico che con i suoi 36 arresti e 100 indagati coinvolge anche il Partito democratico capitolino: un assessore e il presidente del Consiglio comunale indagati e dimissionari e altri esponenti sotto inchiesta. Il premier ha annunciato di aver  “accolto la proposta di Cosentino (Lionello, segretario romano del Pd, ndr) di un passo indietro e il commissariamento del Pd di Roma nella persona di Matteo Orfini“. Ha poi risposto a Marco Travaglio, condirettore del Fatto Quotidiano, che ha fatto riferimento alla fotografia pubblicata in questi giorni in cui si vede il ministro Giuliano Poletti – all’epoca dello scatto presidente della Lega Coop – insieme ad alcuni degli indagati. “Poletti – ha ribattuto Renzi – è un galantuomo, ne apprezzo lo straordinario rigore morale e personale e il suo valore civile e politico”.

“Sono sconvolto –  dice il presidente del Consiglio – perché vedere una persona seria come il procuratore di Roma parlare di mafia mi colpisce molto. Vale per tutti il principio di presunzione di innocenza e il governo ha scelto Cantone per l’anticorruzione. Certe vicende fanno rabbia, serve una riflessione profonda, certo l’epicentro è l’amministrazione di Alemanno ma alcuni nel Pd romano non possono tirare un sospiro di sollievo”. Il presidente di Dem dice che il partito a Roma è “da rifondare e ricostruire su basi nuove”. Il premier inoltre dice di non avere “la più pallida idea” se Salvatore Buzzi, presidente della cooperativa “29 giugno” che al telefono dice: “Pago tutti”, era alla cena per la raccolta fondi per il Pd all’Eur ma chiarisce che i partecipanti sono registrati. “Si sa chi c’è – chiarisce – come e quando, sono cene trasparenti e io rivendico che il Pd non si fa finanziare di nascosto ma pubblica i suoi finanziatori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jobs act, addio battaglia campale: ok alla fiducia tra banchi vuoti e chiacchiericcio

next
Articolo Successivo

Province “abolite” assumono 17 dirigenti. E’ caos otto mesi dopo la riforma Delrio

next