Quarant’anni dopo il referendum sul divorzio parlano i piccoli nati da famiglie separate. Che non sono più, come un tempo, l’eccezione. Il momento della divisione raccontato dai nostri lettori e dagli esperti. Il nodo dei figli delle coppie di fatto e l’esperimento dell’affido condiviso.

Dal mortadella allo squalo, i soprannomi della politica
Ironia, ma anche crudeltà. Umorismo e sottile lotta di potere. La storia italiana vista attraverso i nomignoli dei protagonisti

Kiev, il Fatto nel padiglione dei bambini dimenticati
Il reportage di Alessandro Ferrucci, Lorenzo Galeazzi e Vauro nel reparto di oncologia e neurologia della capitale ucraina. E un’iniziativa del nostro giornale per aiutare le piccole vittime di Chernobyl ora sotto la guerra

“Starmale”, ridere delle proprie sofferenze
Il boom del sito che sfotte i cultori del benessere, mettendo a nudo i mali e i vezzi dei nostri tempi

Le rubriche
Vivario di Maurizio Maggiani
Tam Tam di Marina Valcarenghi
Vox Populi di Alessandro Ferrucci
Le buone pratiche di Domenico Finiguerra
Il museo degli oggetti dimenticati di Anna Peiretti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La psicoanalisi secondo la gente

next
Articolo Successivo

I bambini e il lutto, quelle grandi domande

next