Promozioni che non finiscono mai e sconti con date di scadenza non confermate. Pubblicità ingannevole, quindi, per cui Poltronesofà dovrà pagare una multa di mezzo milione di euro. La denuncia all’Antitrust era stata fatta ad aprile da Altroconsumo che ha segnalato promozioni che dovevano “terminare definitivamente domenica”. MA la data di scadenza del messaggio pubblicitario, secondo l’Associazione, non arrivava mai. Tanto che il termine delle promozioni era, di fatto, posticipato di volta in volta.

Spot andati in onda in particolare tra ottobre 2013 e aprile 2014 e trasmessi su Rai e Mediaset, in cui Poltronesofà pubblicizzava la possibilità di acquistare alcune collezioni di divani a prezzi scontati fino al 70%, indicando la scadenza molto ravvicinata della promozione. In alcuni messaggi si dava anche la possibilità di acquistare divani risparmiando fino a 1.000 euro. Unica clausola, comprare l’articolo entro tre giorni. Avvertendo, in sequenza, che mancavano solo 24, 18 e 16 ore. Tutto falso, secondo Altroconsumo, visto che si trattava di promozioni che si ripetevano ciclicamente anche se ogni spot si definiva “irripetibile”.

“La società Poltronesofà utilizza l’indicazione di sconti sul prezzo dei divani e delle poltrone come elemento costante di tutte le campagne pubblicitarie – scrive l’Antitrust – si tratta di una vera e propria strategia commerciale volta ad acquisire il maggior numero di clienti inducendoli a ritenere che quella determinata promozione abbia una durata limitata nel tempo e sia non replicabile”. Quindi, secondo l’Antitrust, l’impostazione delle campagne pubblicitarie di Poltronesofà “è idonea ad indurre i destinatari in errore in quanto li porta a credere che per usufruire degli sconti pubblicizzati sia necessario procedere all’acquisto dei prodotti in un tempo limitato” per il timore che la promozione possa finire o non essere replicata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, uomo ucciso con colpo di pistola alla nuca. “E’ stata un’esecuzione”

next
Articolo Successivo

In coma per incidente ferroviario, 4 anni dopo si laurea in sicurezza dei trasporti

next