“Non mi sono fatto male, ma non possono permettersi di comportarsi così”. Questo lo sfogo a caldo di uno dei protagonisti, appena 15enne, degli scontri tra studenti e forze dell’ordine all’Arcivescovado di Milano. “Non si possono picchiare così dei ragazzi. Sono per la maggior parte minorenni”, spiega la sindacalista Cgil Sara Carrapa. I ragazzi si sono poi riuniti in assemblea per circa due ore, dopo la fine del corteo iniziato la mattina in occasione dello ‘sciopero sociale’  di Alessandro Madron e Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scajola: “Plusvalenza casa Colosseo? Direi di no. Col Fatto ci vediamo in tribunale”

next
Articolo Successivo

Milano, pugni e calci al semaforo. Lite automobilistica si trasforma in rissa

next