Un disastro ambientale dalle proporzioni ancora incalcolabili. L’onda di cherosene che, a causa di alcuni furti all’oleodotto Eni Civitavecchia-Fiumicino, scorre da giorni lungo il Rio Tre Cannelle e il Rio Palidoro sta contaminando decine di ettari in buona parte agricoli, trascinando con sé una coltre di pesci morti o agonizzanti. “La cosa agghiacciante – spiega Riccardo Di Giuseppe, responsabile dell’oasi Wwf del litorale romano – è che i cadaveri vengono mangiati da altri animali che muoiono a loro volta. Questo avvelenamento sta interessando tutta la catena alimentare a diversi livelli. Aironi bianchi, garzette, cormorani, germani reali, la biodiversità qui è veramente alta. C’è stato un danno ambientale senza pari”. E nella riserva naturale è a rischio purtroppo anche la produzione agricola. “Il sindaco – prosegue Di Giuseppe – ha stabilito il divieto assoluto di utilizzo dell’acqua per irrigare i campi e proibito la caccia nella zona poiché il pericolo è quello di trovarsi sul piatto carne intossicata”. E mentre Wwf, Lipu e altre associazioni cercano di salvare il salvabile la protezione civile cerca di contenere il danno. “Sono state messe delle barriere di assorbimento lungo i canali – spiega Alfredo Dioro, delegato del sindaco di Fiumicino alla protezione civile – soprattutto per evitare che il cherosene arrivi al mare. Stiamo anche aspirando con degli strumenti specifici il carburante”. L’ecosistema nella zona appare ormai morto. Istituzioni, associazioni e residenti stanno facendo di tutto per contenere il più possibile quella che sembra una vera e propria catastrofe ambientale  di Luca Teolato

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emergenza rifiuti Campania: 18 milioni di fondi europei persi, per adesso

next
Articolo Successivo

Architettura urbana: ruderi che diventano serre? Coltivare indoor recuperando edifici abbandonati

next