“Non avevo letto il tuo messaggio”. Una scusa che gli utenti di WhatsApp dal 6 novembre non potranno più usare. Grandi novità, infatti, nel sistema di messaggistica istantanea più usato al mondo, dove è stata introdotta una notifica che indica che il destinatario ha letto il messaggio inviato. Questo il “regalo” che WhatsApp ha deciso di fare agli utenti per il suo quinto compleanno. Con la nuova funzione, infatti, le due spunte grigie che attualmente compaiono al fianco di ogni messaggio a indicare che è arrivato sul dispositivo del destinatario (una sola indica che è stato spedito al server), si coloreranno di blu per indicare che il messaggio è stato anche aperto e letto.

La doppia “spunta blu” è comparsa per la prima volta su piattaforma iOS di Apple a novembre del 2009. Nei mesi successivi è stata resa disponibile per BlackBerry e dispositivi Android. Un’innovazione che però solo ora sta arrivando a cascata su tutti gli utenti, anche in Italia. E senza che vi sia una possibilità di scelta, visto che l’innovazione sarà automaticamente attiva non appena WhatsApp si aggiornerà sul proprio telefono. Ma c’è di più: passando il dito sulla riga di testo spedita, si potrà trovare accanto alle classiche funzioni “copia” ed “elimina” anche la nuova opzione “info“. Cliccandoci su si potrà conoscere l’ora e il minuto in cui il destinatario ha visualizzato il messaggio.

Una novità che non è piaciuta a tutti. Sul web in particolare non mancano le proteste e l’accusa di avere “ucciso” la privacy. E c’è chi ha già pensato a come risolvere il problema, come leggere il messaggio sulla home dello smartphone, senza farsi tradire dalla nuova doppia spunta blu. Quello che sembra essere il vero nodo, però, è l’impossibilità, almeno per il momento, di disattivare la funzionalità così come si può fare, ad esempio, per l’opzione “ultimo accesso” che comunica all’interlocutore quando ci si è collegati l’ultima volta alla chat. Non resta che attendere le decisioni di Facebook, proprietaria del sistema di messaggistica, che non tarderanno ad arrivare sull’onda delle proteste.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Skylanders, esordio su tablet per il franchise milionario di Activision

next
Articolo Successivo

Microsoft Office gratis per iPhone, iPad e iPod. E nel 2015 toccherà ad Android

next