“Fu un pestaggio selvaggio”. La Cassazione rende definitive le condanne a 12 anni di reclusione per i due agenti della Polfer di Milano che, il 6 settembre del 2008, picchiarono fino ad ucciderlo Giuseppe Turrisi, un clochard che dormiva nella stazione Centrale di Milano. I due agenti sono stati ritenuti colpevoli di omicidio preterintenzionale. “Si è trattato di un pestaggio debordante e violento”, ha ricordato il Sostituto Procuratore generale della Cassazione Pasquale Fimiani.

“C’è un fotogramma che inquadra il povero Turrisi mentre entra, vivo e con i suoi piedi, nell’ufficio della Polfer dal quale uscirà portato via in ambulanza”, ha detto il procuratore Fimiani. L’uomo è stato ucciso a furia di botte e “mortale” è stato “un calcio al costato sferrato con gli anfibi che gli ha provocato emorragie interne”, ha aggiunto il Pg ripercorrendo le conclusioni della sentenza di Appello. Turrisi morì poco dopo in ospedale.

In primo grado, i due agenti della Polfer responsabili del pestaggio, Emiliano D’Aguanno e Domenico Romitaggio, erano stati condannati a pene più lievi: il primo a 10 anni di reclusione per omicidio preterintenzionale, e il secondo a tre anni per falso. In secondo grado, invece, la Corte d’Assise d’appello ha inasprito le pene e ha giudicato responsabile dell’omicidio anche Romitaggio. Il Collegio della V Sezione Penale è stato presieduto da Giuliana Ferrua.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milazzo: le donne dei lenzuoli contro la ‘bomba’ ecologica della raffineria

prev
Articolo Successivo

Programmi tv stasera, TeleFatto: Virus, Servizio Pubblico e Benvenuti al Nord

next