Cambio di direzione in vista per il settimanale l’Espresso. E il sito di Milano Finanza dà già per certo il nome del successore di Bruno Manfellotto, in carica dal 2010: Luigi Vicinanza, attuale direttore editoriale di Finegil, la controllata che pubblica i quotidiani locali del gruppo di Carlo De Benedetti. Nella mattinata di domani, primo ottobre, è fissata l’assemblea plenaria dei giornalisti del settimanale, a cui parteciperanno lo stesso De Benedetti e l’amministratore delegato Monica Mondardini. Ordine del giorno, “comunicazioni” alla redazione. Comunicazioni che con ogni probabilità riguarderanno il cambio al vertice dell’Espresso. Alla base della sostituzione di Manfellotto – in carica dal 2010 –  ci sarebbero i risultati economici negativi in termini di vendite e introiti pubblicitari.

Luigi Vicinanza, originario di Castellamare di Stabia, ha iniziato la sua carriera negli anni Settanta a L’Unità di Napoli, poi è passato a Repubblica a Roma. E’ stato anche vicedirettore del Mattino e guidava il quotidiano abruzzese Il centro quando L’Aquila fu devastata dal terremoto del 2009. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

House of Cards, l’autore a Renzi: “Il mio libro non è un manuale di istruzioni”

next
Articolo Successivo

Frequenze tv, l’Agcom approva il maxisconto per Rai e Mediaset

next