Dalla salamandra ai felini, ma anche topi, lombrichi e polpi. È però il robot ghepardo l’ultimo animale che l’uomo ha copiato dalla natura. È meno snello nel fisico, ma ugualmente agile e capace di accelerare e correre fino a 50 chilometri orari con grande stabilità. È stato costruito negli Stati Uniti, presso il Massachusetts Institute of Technology (Mit), e sarà presentato alla Conferenza Internazionale sui Robot e Sistemi Intelligenti in corso a Chicago fino al 18 settembre.

Il robot-ghepardo è così veloce grazie ad un algoritmo sviluppato dal gruppo di ingegneri meccanici coordinato da Sangbae Kim. Ogni zampa è programmata in modo da esercitare una certa quantità di forza ogni volta che tocca il terreno: in questo modo è possibile mantenere costante la velocità. Per questo, più veloce si vuol far correre il robot, maggiore è la forza che si deve imprimere. Il ghepardo però è solo l’ultimo arrivato dei automi che imitano gli animali, in una sorta di zoo robotico al quale l’Italia contribuisce in modo importante. 

“Abbiamo costruito anguille e polpi robot, solo per citare quelli acquatici, e poi ma anche lombrichi, topi e gechi“, osserva Cesare Stefanini, ricercatore di Bio-robotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Progettare e costruire automi che imitano la natura è una continua sfida: “Si costruiscono robot che si muovono come gli animali per farli lavorare al fianco dell’uomo: sono più forti, più agili e capaci di svolgere lavori pesanti”. Costruirli “aiuta inoltre a carpire i segreti di alcuni animali, come la capacità dei gechi di camminare a testa in giù su pareti lisce”, prosegue il ricercatore. “In questo modo, per esempio, abbiamo capito che le zampe del geco sono ‘equipaggiate’ con minuscoli ganci”.

Riproducendo il polpo, i ricercatori sono riusciti a costruire un robot con tentacoli capaci di afferrare e di compiere operazioni complesse, come aprire un vaso. È stato costruito anche un robot-topo, con tanto di pelliccia per renderlo più vero possibile: chiuso in gabbia con un topo vero, gli ha insegnato come aprire un erogatore di cibo. Esiste infine il robot-pesce che, ‘infiltrato’ in un banco di veri pesci, sa guidarli in zone sicure o, al contrario, può accompagnarli verso la rete che li pescherà. “Il sogno più grande – conclude Stefanini – sono i robot-formica. Costruirli significherebbe mettere a punta una macchina con una forza straordinaria ed una notevole capacità organizzativa”. 

Foto dal profilo Twitter del Mit

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scienza e cultura: in marcia per un’ambiziosa politica della ricerca

next
Articolo Successivo

Sperimentazione animale, la rivoluzione di Human-on-a-chip?

next