Un posto “completamente circondato da tunnel segreti e molto misterioso”, racconta l’archeologo turco Ibrahim Cetin, lo scopritore della “prigione di Dracula”. Una scoperta degna della leggenda di Vlad III l’Impalatore, il nobile transilvano diventato una star mondiale grazie allo scrittore Bram StokerCetin ha annunciato di avere trovato sotto il castello selgiudico di Tokat, sulle rive del Mar Nero, la cella in cui verso la metà del 1400 fu detenuto dagli ottomani il terrificante principe della Valacchia. Il team di archeologi da lui diretto ha scovato sotto il castello una rete di cunicoli, una specie di “bunker” militare, e due celle segrete, nelle quali sarebbe stato rinchiuso dopo essere stato catturato dai nemici ottomani, Vlades III detto “tepes” (ovvero “l’impalatore”), perché amava far impalare nemici e banditi. L’uomo, secondo la leggenda, era anche chiamato “Dracula” o “Draculea”, “figlio del drago” in rumeno. Un nomignolo sotto il quale il truce guerriero transilvano ha ispirato il celebre vampiro creato da Stoker, che doveva al padre Vlad II, cavaliere dell’Ordine del Drago fondato dall’imperatore Sigismondo per difendere l’Occidente cristiano dall’avanzata dei turchi.

Secondo alcune ricostruzioni storiche il principe transilvano (1431-1476), strenuo difensore dell’Occidente contro le invasioni dell’impero ottomano, avrebbe trascorso da giovane quasi dieci anni prigioniero dei turchi. Cetin ha detto a Hurriyet, uno dei principali giornali turchi, di essere convinto di avere trovato il luogo in cui Dracula fu tenuto prigioniero. “Ma è difficile dire in quale cella” esattamente vivesse, ammette. Sembra che Vlad abbia imparato molte cose dai suoi carcerieri che gli furono molto utili poi sul trono di Valacchia: studiò con particolare attenzione le tecniche di tortura usate dai turchi e si innamorò dell’impalamento. Tornato a casa, si ritiene verso la metà del 1400, lo applicò con tale entusiasmo ai nemici da guadagnarsi il soprannome di “tepes“, l’impalatore appunto. La scoperta della sua prigione potrebbe ora portare ossigeno turistico a Tokat, città di 130mila abitanti nella Turchia europea. C’è chi pensa già a un museo di Dracula, magari a un percorso dell’impalatore, sfruttando la tuttora immensa popolarità del sanguinario principe transilvano.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

India, rapporto Oms: “Primo posto al mondo per suicidi”. Soprattutto giovani

next
Articolo Successivo

David Haines decapitato, il cooperante scozzese eroe per i musulmani

next