Un campeggiatore italiano, Giorgio Bozzo, 70 anni, di Genova, è stato ucciso con colpi di pugnale, venerdì notte scorsa, in Turchia, nei pressi di Trebisonda, da due persone entrate nel suo camper, parcheggiato nel piazzale di un ristorante dove si era fermato a pernottare. La moglie Rita è stata ferita, non gravemente. I responsabili dell’aggressione – scrivono i media turchi – sono già stati individuati e fermati. Uno di loro sarebbe un tossicodipendente. La notizia è stata confermata dalla Farnesina.

Il caso è stato seguito dal consolato di Istanbul, in coordinamento con l’ambasciata italiana di Ankara – ha riferito la Farnesina – precisando che è stata contattata la famiglia e predisposta tutta l’assistenza necessaria. La Federcampeggio della Lombardia ha ricevuto oggi un messaggio di condoglianze da parte di Erdal Otugen, presidente della federazione turca dei campeggiatori (Ukkf). “Abbiamo saputo in questo modo di quanto successo”, ha riferito il presidente Adriano Cremonte. Da quanto è emerso, i coniugi Bosso viaggiavamo con altri turisti italiani divisi in sei camper.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Davide Bifolco, quei cori che non si possono ignorare

prev
Articolo Successivo

Davide Bifolco, spunta il video dell’inseguimento dopo lo sparo

next