Minacce di morte per sé e la sua famiglia dal 2012. Ora la consigliera comunale Pd di Rovereto Aicha Mesrar ha paura, non tanto per sé quanto per i suoi figli. Ha deciso così di dare le dimissioni dal Consiglio e lasciare non solo Rovereto ma l’Italia, cercando un’altra sistemazione all’estero. E non intende ripensarci, a suo dire, nonostante siano 23 anni che la donna risiede con la famiglia in questo centro del Trentino. “Non posso vivere per sempre sotto scorta – dice la donna -. Non ho paura per me, ma per i miei figli. Me ne vado con orgoglio, soddisfatta di quello che ho fatto e di quanto ho ricevuto”. 

Di origine marocchina, 45 anni, Mesrar è una mediatrice culturale, attiva nel volontariato e presidente della cooperativa Città aperta. La promessa di farle del male, ripetuta in una serie di lettere anonime e oggetto di indagini da parte delle forze dell’ordine, che in questi anni hanno addirittura lavorato anche per proteggere lei e la sua famiglia. Minacce non soltanto a lei, ma anche al sindaco, Andrea Miorandi, per farli desistere in particolare dall’idea di un luogo di sepoltura islamico e da quella di una moschea.

Mesrar racconta di avere dovuto cambiare diverse abitudini negli ultimi due anni. Proprio lei che era abituata da sempre a lavorare, di giorno o di sera, in riunioni o sola. Questo l’aveva spiegato con semplicità al suo ingresso in Aula a Rovereto nel 2010, nel Pd, quando si era trovata addosso, un po’ stupita, molta attenzione per il velo che indossava e intendeva tenere, quale simbolo di preghiera. Miorandi le aveva dato l’incarico speciale per la promozione di “Rovereto città aperta al mondo”

Immediati i messaggi delle istituzioni e di parti politiche. Il presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi, ha espresso rammarico e dispiacere, chiamandola al telefono. “In questi anni ci siamo molto adoperati per garantire accoglienza, convivenza e integrazione di tutti i membri della società trentina”, ha aggiunto. Un pensiero anche del presidente del Consiglio provinciale, Bruno Dorigatti, che si è detto preoccupato per la notizia dell’addio. “Se Aicha Mesrar, straordinario esempio di impegno civile nella direzione della convivenza pacifica tra le culture decide di abbandonare i propri incarichi e addirittura di trasferirsi all’estero, allora dobbiamo preoccuparci tutti – ha detto Dorigatti – Questo episodio significa che il Trentino non ha ancora sconfitto del tutto i pericolosi germi dell’intolleranza”. Una posizione contestata dal segretario della Lega Nord regionale, Maurizio Fugatti. “Non è questa l’immagine – ha risposto il segretario – che hanno invece i tanti trentini che oggi si sentono addirittura discriminati nell’erogazione dei sussidi pubblici rispetto agli stranieri”. Opposte le dichiarazioni della Cgil, che ha parlato di un andare via che è “un segnale inquietante“, e dei Verdi altoatesini, che hanno espresso “profondo dolore“.

(Foto dal sito del Partito Democratico Trentino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco, Peres: “Bergoglio alla guida dell’Onu delle religioni”

next
Articolo Successivo

Mattia Destro, nozze con la Caramis: il Comune concede la piazza per 35 euro

next