Divieto di fare il bagno a Livorno lungo tutta la costa del tratto urbano. Il sindaco 5 stelle Filippo Nogarin – riporta Il Tirreno – ha firmato un’ordinanza di divieto temporaneo di balneazione. La decisione è stata presa dopo che il Dipartimento Provinciale Arpat ha comunicato al Comune i risultati delle analisi effettuate sui campioni di acqua prelevati il primo settembre (subito dopo un temporale). L’acqua è da considerarsi, a scopo precauzionale, non idonea al bagno in mare.

L’ordinanza rimarrà in vigore fino a quando l’Arpat non renderà noti gli esiti di nuovi campionamenti che dovranno essere favorevoli. L’ufficio Ambiente del Comune di Livorno ha comunicato lo stop ai gestori dei molti stabilimenti balneari interessati.

Livorno è solo l’ultima città toscana dove è stato imposto il divieto di balneazione a causa dell’inquinamento del mare, causato soprattutto dal maltempo. A inizio agosto, dopo piogge e temporali, il tasso troppo alto di colibatteri si è abbattuto come una piaga sul mare di Viareggio, principale città della Versilia. E anche qui il sindaco Leonardo Betti fu costretto a emanare un’ordinanza anti-tuffi, ritirata dopo 4 giorni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Energia: Papa Francesco scelga di non investire nel fossile

prev
Articolo Successivo

Sblocca Italia, piano Renzi per inceneritori: “Rifiuti da fuori Regione e nuovi impianti”

next