Ogni anno intorno alla metà di agosto suona il campanello d’allarme di Global Footprint Network, l’associazione che stima il giorno in cui finiamo le risorse ecologiche prodotte per l’anno intero, rappresentata in Italia per questa campagna da Rete civica italiana. Ed è oggi, 19 agosto, l’Earth Overshoot Day, il giorno in cui il fabbisogno umano di risorse eccede la capacità rigenerativa del pianeta: in otto mesi abbiamo consumato tutti i beni “a disposizione”, quindi da oggi fino alla fine dell’anno stiamo consumando oltre quanto ci potremmo permettere. Secondo i calcoli che Global Footprint Networkfaceva nel 2012, per rinnovare le risorse che bruciamo nel corso dei 12 mesi ci vorrebbe almeno un pianeta e mezzo: “Di questo passo, prima della metà di questo secolo, ogni anno consumeremo il quantitativo di risorse prodotto da due pianeti”, si legge in un comunicato dell’associazione. 

È un dato allarmante, “anche se la crisi iniziata nell’ottobre 2008 ha rallentato la domanda di risorse, il consumo continua a salire”. Per fare fronte a questo problema, continua il comunicato di Global Footprint Network, “bisognerebbe fare sì che la scarsità delle risorse fosse sempre al centro del processo decisionale”. Basti pensare che, date le presenti abitudini di consumo, la disponibilità attuale non è sufficiente per i 7 miliardi di persone che abitano la terra, e infatti circa 2 miliardi non hanno accesso ai beni indispensabili per la sopravvivenza. “Questo superamento è il risultato di quattro forze: 1) quanto consumiamo, 2) quanto è efficiente la produzione, 3) quanti siamo, 4) quanto la natura sia in grado di produrre”, spiega l’associazione.

Ma che ruolo ha l’avanzamento tecnologico in questo scenario? “La tecnologia aumenta la produttività, ma non consente comunque di mantenere il passo con i consumi”. “L’umanità sta semplicemente chiedendo di più di quanto la terra possa offrire”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Turismo: serve una politica di informazione e programmazione

prev
Articolo Successivo

Petrolio a Carpignano Sesia: non si esce dalla crisi devastando il territorio

next