Gli Ashaninkas vivevano totalmente isolati dal mondo, nel cuore dell’Amazzonia. Ad incontrarli per la prima volta un gruppo di ricercatori che si è imbattuto nella tribù nel nord del Brasile. Sarebbero fuggiti dal Perù, per scappare dagli attacchi dei narcos e dei taglialegna abusivi. Il contatto, secondo quanto riporta il quotidiano brasiliano “O Globo“, è avvenuto grazie agli interpreti del Funai (organizzazione brasiliana che si occupa della tutela degli indigeni isolati) in grado di esprimersi nei dialetti parlati dalle tribù. Uno degli interpreti ha riportato il contenuto del dialgo con gli indigeni Ashaninkas, spiegando che la maggior parte degli anziani della tribù “sono stati massacrati da non-indiani del Perù”, uomini che hanno sparato contro di loro e hanno dato fuoco alle case. Hanno spiegato anche che sono morti in tanti e non hanno potuto seppellire tutti i cadaveri, che poi “sono stati mangiati dagli avvoltoi”. Dopo l’attacco altri membri della tribù sono morti di influenza e difterite

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gaza, “date nomi e volti alle 1.400 vittime” L’esperimento web di “Beyondthenumber”

next
Articolo Successivo

Ebola, diario dal fronte: “Quasi tutti moriranno. Ma chi sopravvive, balla”

next