Il Pentagono ha perso le tracce di oltre il 40 per cento delle armi da fuoco fornite alla forze di sicurezza afghane per un valore di 626 milioni di dollari. Sono queste le conclusioni di un rapporto dell’Ispettorato generale per la ricostruzione dell’Afghanistan (Sigar). Secondo il documento, pubblicato sul Washington Times, i due sistemi informativi che dovrebbero mantenere aggiornato l’inventario di tutte le armi Usa inviate in Afghanistan contengono una quantità impressionante di errori. Il Sigar è la principale autorità di sorveglianza del governo americano sulla ricostruzione afghana. Il Congresso creò l’ufficio distaccato per supervisionare sulla gestione delle modalità e dei fondi dedicati alla ricostruzione. Tra le operazioni portate avanti dal Sigar, ispezioni e indagini per promuovere l’efficienza dei programmi statunitensi nel Paese, oltre a prevenire le frodi sull’utilizzo dei soldi dei contribuenti afghani.

Il 43% delle armi non si riesce a trovare o viene duplicato 
Sul rapporto dell’Ispettorato Usa per la ricostruzione del Paese si legge che sui 474.823 numeri di serie registrati nel database dei sistemi informativi, 203.888 (circa il 43 per cento), sono mancanti o risultano duplicati. Gli ispettori del Sigar hanno inoltre scoperto che 24.520 numeri di serie sarebbero stati duplicati almeno una volta, mentre per altri 50.304 numeri di serie non risultano le date di spedizione o di consegna. Secondo Jeffrey Brown, uno dei responsabili dell’Ispettorato, “non ci sono prove” che le armi siano finite negli arsenali dei talebani, anche se, ammette, “non era questo lo scopo della nostra indagine”. Il Pentagono, scrive il Washington Times, sta ora correndo ai ripari e valutando nuovi sistemi di consegna ed inventario delle armi inviate alle forze di sicurezza afghane.

Dal mercato nero alle mani degli insorti talebani
Le conclusioni contenute nel rapporto alimentano i timori che molte delle armi mancanti all’appello possano essere state messe in vendita sul mercato nero, finendo nelle mani degli insorti talebani. Secondo il quotidiano Usa, il Pentagono nel corso degli ultimi dieci anni ha inviato alle forze afghane 747 mila tra armi da fuoco e relativi accessori. Traccia di ogni movimento di queste armi dovrebbe essere contenuta nei due sistemi impiegati dall’esercito afghano per mantenere aggiornato l’inventario, un misto di documenti cartacei e fogli Excel.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ucraina, Onu: ‘Oltre 1.100 morti in 4 mesi’ Obama-Ue: ‘Nuove sanzioni contro Mosca’

prev
Articolo Successivo

Libia, razzo su deposito benzina a Tripoli ‘Vigili del fuoco abbandonano l’incendio’

next