Tre persone sono state estratte dall’esplosione che è avvenuta questa notte in via Tuscolana. Tra i tre feriti, che non sono in pericolo di vita, sono gravi le condizioni di una ragazza ucraina di 22 anni. L’esplosione, che ha provocato il crollo di un solaio in un palazzo di via Tuscolana, a Roma, in zona Arco di Travertino,  Un incidente, avvenuto la scorsa notte, è avvenuta durante un furto in un bar al pianterreno. Sul posto, gli investigatori hanno trovato due slot machine svuotate e i lucchetti delle serrande segati. Tra le ipotesi quella che i ladri abbiano utilizzato una miscela che ha provocato l’esplosione, per danneggiare il locale dopo il furto. 

Sono ancora in corso verifiche da parte dei vigili del fuoco. Il titolare del bar, ascoltato dagli agenti della Squadra mobile, avrebbe detto di non aver ricevuto minacce di recente. Intanto lo stabile è stato dichiarato inagibile dai pompieri e le dodici famiglie che abitano all’interno sono state evacuate. La ragazza ucraina che ha riportato ferite gravi, è stata ricoverata all’ospedale San Giovanni, che ha riportato vari traumi da impatto sul volto e sul corpo. Al momento è cosciente ma non ricorda nulla di quanto accaduto. Gli altri due feriti sono stati portati all’ospedale Vannini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Concordia, si è concluso l’ultimo viaggio. Relitto in banchina a Genova. Ora per ora

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco a Caserta, bestemmie in diretta su emittente dei vescovi Tv 2000

next