Un nome che suona sinistro per chi si è occupato dello scandalo calcioscommesse. E un’accusa che, se confermata, farebbe tremare gli organizzatori di Brasile 2014. A rivelarla è l’edizione odierna del quotidiano tedesco Der Spiegel, secondo cui il Camerun avrebbe perso apposta 4-0 contro la Croazia per favorire un giro di scommesse illegali. A rendere pubblica la vicenda, inoltre, è Wilson Raj Perumal, boss di Singapore già in passato coinvolto in molti casi relativi a combine in ambito sportivo: “Il Camerun ha sette mele marce”, aveva avvertito alla vigilia della rassegna. Oggi la seconda puntata della denuncia, con i Leoni indomabili che avrebbero truccato la seconda partita del Girone A. In pratica, a sentire lo Spiegel Eto’o e compagni avrebbero deciso deliberatamente di perdere (e di subire la goleada) per favorire un giro di scommesse clandestine. Non solo il risultato, tuttavia, sarebbe stato concordato, visto che a sentire Perumal anche anche l’espulsione di Alexandre Song per una manata su Mandzukic sarebbe frutto di combine. Accusa tutta da verificare, ovviamente: già nel 2006 proprio ‘Der Spiegel’ aveva incolpato un’altra squadra africana, il Ghana, di aver truccato alcune partite nel girone dell’Italia. Scandalo poi rientrato senza conseguenze e prese di posizione da parte della Fifa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile 2014, scatta il ramadan: è polemica sul digiuno per i calciatori musulmani

prev
Articolo Successivo

Suarez, offerta dal Kosovo: “Venga da noi, non facciamo parte della Fifa”

next