“Congetture senza prove”. Così l’amministratore delegao di F2i, Vito Gamberale, bolla le accuse di turbativa d’asta mosse dalla Procura di Milano in relazione alla vendiata a F2i da parte del Comune di Milano del 29,75% di Sea, la società che gestisce gli aeroporti milanesi. Il pm Alfredo Robledo ha chiesto il rinvio a giudizio per l’a.d, il manager del fondo F2i, Mauro Maia, e per Behari Vinod Sahai, il procuratore speciale della Srei Infrastructure finance Ltd, la società esclusa dall’asta perché aveva presentato la sua proposta con dieci minuti di ritardo. Gamberale, in una conferenza stampa, ha detto di sentirsi “strumento” dello scontro nella Procura di Milano tra il procuratore Edmondo Bruti Liberati e l’aggiunto Alfredo Robledo.

Il fascicolo dell’inchiesta “dimenticato” per oltre tre mesi in una cassaforte della procura, e poi affidato a Robledo, è uno dei casi al centro della contesa tra i due magistrati finita davanti al Consiglio superiore della magistratura. “Fino ad ora – ha detto Gamberale – abbiamo assistito in silenzio al dibattito che si è aperto in Procura e che vede questo fascicolo al centro come ‘file’ emblematico. Questa delicata situazione non ci appartiene, non possiamo sentirci strumento di questo confronto istituzionale. Come cittadini auspochiamo di vedere le istituzioni serene ma di sicuro questa situazione non può penalizzarci”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tommaso Sodano, abuso d’ufficio e falso: chiesto rinvio a giudizio

prev
Articolo Successivo

Dell’Utri, sul Corriere un’intera pagina di solidarietà. Redazione: “Inaccettabile”

next