L’Italia perde sul campo, e pure su Twitter. Sono 3,2 milioni i tweet per la partita contro il Costa Rica, 4 in meno rispetto alla prima contro l’Inghilterra, entrando così tra le partite meno twittate dei Mondiali. Basta pensare che anche il match tra Costa d’Avorio e Giappone è riuscito a fare meglio: circa 4 milioni di tweet.

Numeri bassi se si guarda al podio delle partite più twittate finora: i match del Brasile contro la Croazia (12,2 milioni) e contro il Messico (8,95) e lo scontro tra Germania e Portogallo (8,9). E soprattutto se si dà un’occhiata al potere delle boyband anche in occasione della Coppa del Mondo, i più ritwittati sono i britannici One Direction (@NiallOfficial, @Real_Liam_Payne) e gli australiani 5 Seconds of Summer.

La partita su Twitter inizia lo stesso con la richiesta di Balotelli: “Se vinciamo con il Costa Rica, voglio un bacio sulla guancia dalla regina”. Non sarà esaudito il desiderio di Super Mario e scatta l’ironia, mista alla presa in giro, qualcuno si dispiace per la regina, qualcun altro invece chiede sarcasticamente: “Ora Mario da chi vorrà essere baciato?”. Ma è dai primi minuti che si respira negatività sul microblog. Zazzaroni non usa mezzi termini: “Stiamo facendo cagare, ci vuole Imodium Insigne”. Altri gridano al complotto sull’arbitraggio e, già prima del gol di Ruiz, c’è chi critica Prandelli per non aver fatto giocare Immobile, Cerci e Insigne. Qualcuno arriva addirittura a rimpiangere Criscito perché #pendolino Darmian si è adattato a sinistra e Giuseppe Rossi perché Cassano, entrando nel secondo tempo, delude le aspettative.

(vedi tutti i tweet di #fattimondiali su: Italia-Costa Rica, la sconfitta raccontata su Twitter – Storify)

Si arriva ai paragoni con Italia-Polonia di Spagna ’82, i più giovani sono costretti ad andare a cercare su Wikipedia e non capiscono comunque il confronto. La partita diventa ancora più lenta, si scherza sui tagli dei capelli dei costaricani e tutti sono concordi sul fallo di rigore di Chiellini prima della doccia fredda di Ruiz.

Da qui i twittaroli incalliti si ammosciano, rimangono solo gli allenatori. Qualcuno viene accontentato: entra Cassano, poi Insigne (De Laurentiis era già pronto con il cellulare: “Forza Lorenzo, siamo tutti con te”) e anche Cerci. La costante della partita diventa il fuorigioco. C’è gente arrabbiata e gente che rivendica il panino gratis promesso da McDonald’s in caso di vittoria.

Fischio finale. Ecco che si passa da Costa Rica a #costadiscordia, fino ad arrivare a #costacara. Nonostante i pochi tweet e la prestazione al di sotto della sufficienza, Balotelli rimane il giocatore italiano più menzionato prima di Pirlo e Buffon. Per il Costa Rica è l’autore del gol Ruiz chiamato in causa più volte su Twitter, fino ad arrivare a circa 80mila tweet in occasione del vantaggio.

di @carlovalentino2

Di seguito, alcune delle metriche più rappresentative della partita Italia vs Costa Rica forniti da Twitter Data @ttapr:• Tweet totali dell’evento “Italia vs. Costa Rica ”: 3,2 milioni • I calciatori più menzionati durante la partita:Italia, Nazionale Italiana - @Vivo_Azzurro1. Mario Balotelli - @FinallyMario2. Andrea Pirlo - @Pirlo_official3. Gianluigi Buffon - @gianluigibuffon
Costa Rica, FEDEFUTBOL - @FEDEFUTBOL_CR1. Bryan Ruiz González - @bryanruizcr2. Júnior Díaz 3. Joel Campbell - @joel_campbell12• Massimi picchi di traffico Tweets Per Minute (TPM) [Brazil Local Time]Minute/Time Event Tweets Totali14:54 Costa Rica batte Italia 1-0 108.42213:45 Bryan Ruiz (CRC) segna 83.50513:32 Mario Balotelli (ITA) molto vicino al gol 28.993

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

#Fattimondiali Italia-Costa Rica, la disfatta azzurra raccontata su Twitter

next
Articolo Successivo

Brasile 2014, troppi spot pro gioco d’azzardo a partite Rai. Petizione del Pd

next