Il Movimento 5 stelle chiede le dimissioni del ministro della Salute Beatrice Lorenzin. “Si è macchiata di totali inadempienze dovute all’incompetenza o alla mancata di volontà di prendere delle posizioni” e per questo “deve essere sfiduciata”. A dirlo è la senatrice Michela Montevecchi illustrando la mozione di sfiducia. “Non ha svolto con attenzione i compiti istituzionali” sul caso Avastin, mentre il caso Stamina ne evidenzierebbe “l’incompetenza, in quanto non è stata garante della salute di tanti malati”. Sono le motivazioni della mozione di sfiducia della Lorenzin presentata da M5S.

In otto pagine, di cui sono prime firmatarie le senatrici Michela Montevecchi e Paola Taverna vengono scandite, punto per punto, le presunte inadempienze contestate. In primis, si legge, il ministro non ha tenuto presente “che nell’ultimo elenco dei farmaci essenziali stilato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’unico farmaco anti-VEGF inserito per il trattamento della Degenerazione maculare senile è l’antitumorale Avastin di Roche e non Lucentis di Novartis”, come invece accadeva in Italia. Lorenzin, inoltre, si sarebbe mostrata poco solerte nel rispondere in merito al mancato utilizzo off label dell’Avastin, denunciato in periodi non sospetti proprio dall’M5s. Le accuse riguardano anche la gestione della vicenda Stamina, in particolare rispetto alla nomina del primo Comitato di esperti, il cui “percorso di valutazione non è stato obiettivo in quanto essi si erano già espressi sul metodo con perplessità e pregiudizi”. Tanto che “alla luce della sentenza del Tar che ha evidenziato criticità e mancanza di imparzialità” è stata “necessaria” la nomina di un nuovo Comitato. “Certamente ha assunto una pesante eredità dai precedenti ministri – conclude Taverna – ma il suo operato non è stata non risolutivo nel dare una risposta a una situazione così drammatica”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riforme, B: “Con Renzi troveremo accordo. Napolitano oltre Costituzione”

prev
Articolo Successivo

Dl Irpef, sì della Camera: bonus da 80 euro è legge. Sel vota a favore, il partito si spacca

next